Archive for the ‘Commento al Vangelo’ Category

VIVERE IL VANGELO: Riconoscere Gesù – III Domenica di Pasqua

07.04.2016 – di Don ANTONIO INTERGUGLIELMI – Cappellano Rai – Saxa Rubra (Roma) –

1428479541_pesca tiberiadeRiconoscere Gesù. Saperlo vedere oggi vivo e presente nella nostra vita.
Questa è la Grazia che ricevono in quella buia notte di pesca infruttuosa gli apostoli: questa esperienza per ognuno di noi può cambiare la nostra vita, che qualche volta diviene deludente e buia, come quella notte di pesca.
Il fatto che Gesù si fa presente alla fine della notte sul mare è un segno, un anticipo della Sua vittoria sulla morte. Il mare nella Sacra Scrittura sempre significa la morte. Cristo si manifesta in una sofferenza, Read more »

VIVERE IL VANGELO: Domenica della divina misericordia

31.03.2016 – di Don ANTONIO INTERGUGLIELMI – Cappellano Rai – Saxa Rubra (Roma) –

carav_tommaso“Prega per queste anime, perché non abbiano paura di avvicinarsi al tribunale della Mia Misericordia”: con queste parole Gesù invita Santa Faustina Kowalska, apostola della Divina Misericordia, a pregare per tutti i lontani da Dio. E aggiunge: “Distribuisci largamente la Mia Misericordia” (Dal Diario, 22.II.1937).
Il Vangelo della domenica della festa della Divina Misericordia, istituita da San Giovanni Paolo II il 30 aprile 2000, durante la canonizzazione di Suor Faustina, ci mostra ancora una volta la tenerezza e la pazienza di Gesù di fronte l’incredulità di San Tommaso. Quando Tommaso dopo otto giorni Read more »

VIVERE IL VANGELO: Pasqua di Risurrezione del Signore

23.03.2016 – di Don ANTONIO INTERGUGLIELMI – Cappellano Rai – Saxa Rubra (Roma) –

pasqua-e1362314889686La Pasqua fa presente una realtà completamente nuova, inaspettata, sconvolgente: è la scoperta che noi possiamo vivere eternamente, risorgere come Cristo è risorto. E’ come un sole che splende, dopo una notte buia e paurosa, come qualche volta ci appare la nostra vita: sorge un’alba meravigliosa che ci annuncia un giorno nuovo. Ecco perché dalla notte della Veglia pasquale, e per tutto il periodo di Pasqua,  gli orientali si salutano con la frase che il sacerdote pronuncia a mezzanotte: Cristo è risorto”,  in russo “Christos voskrès”. Read more »