Cambia il testo del Padre Nostro: il via libera della CEI

Posted in Articoli RGA
michelangelo-giudizio-universale-20181115134225

15.11.2018 – di A. MARIANI

Non è Dio ad indurre in tentazione. Questo è il motivo della modifica alla parte finale della preghiera del Padre Nostro.
Ancora pochi passaggi e la modifica sarà ufficiale; il testo della nuova edizione del Messale Romano sarà infatti sottoposto alla Santa Sede per poi entrare in vigore con la modifica apportata: non più “non ci indurre in tentazione” ma “non abbandonarci alla tentazione”.
Papa Francesco aveva suggerito la correzione del Padre nostro a dicembre dello scorso anno, quando disse che «non è mai Dio a tentarci, quell’indurci è una traduzione non buona”.

Oltre a questa modifica ci sarà anche quella del Gloria che andrà a sostituire con “pace in terra agli uomini amati dal Signore” il consueto “pace in terra agli uomini di buona volontà”, nella parte iniziale.

 

Both comments and pings are currently closed.

Comments are closed.