VIVERE IL VANGELO – Natale del Signore

Posted in Commento al Vangelo
59

25.12.2018 – di Don ANTONIO INTERGUGLIELMI – Cappellano Rai – Saxa Rubra (Roma) –

I pastori “vennero senza indugio” dice il vangelo di questo Natale: decisi, senza dubitare che avrebbero trovato qualcosa di meraviglioso per la loro “povera” vita.
E’ il sentirsi senza speranza, senza meriti, anzi esclusi, che li spinge a rispondere a questo invito; i pastori, esclusi a causa del loro lavoro per la legge antica, perché non potevano rispettare il riposo del sabato, ricevono per primi questo annuncio.

Questa Notte quanti di noi avranno la stessa decisione, lo stesso desiderio di trovare una risposta vera alle nostre domande più profonde? Oppure rimarremo alla superficie, accontentandoci di risposte superficiali, poco impegnative, poco coinvolgenti?

Anche oggi tanti di noi, anche se forse stiamo sempre in chiesa, accanto ai preti, non abbiamo dentro questo desiderio, questa decisione di ricevere una novità per la nostra vita, già ci sentiamo giustificati: così anche questo Natale non ci cambierà per nulla, passando invano.

Ma chi stanotte ha bisogno di una novità, perché si sente escluso o perché non si accontenta di vivere una vita superficiale, in fondo falsa, Cristo può incontrarlo davvero.

Una Notte che spesso ci riporta alla nostra infanzia, al ricordo delle belle sensazioni provate da bambini, dell’attesa di qualcosa di gioioso e di bello.

Una gioia che nasce dall’Innocenza, che purtroppo spesso la vita ci ha rubato, le delusioni l’hanno sostituita con il disincanto, con la tristezza delle attese deluse.

Solo questo Santo bambino, tanto povero, tanto semplice e indifeso, se accolto nella nostra vita, potrà ridonarci la bellezza dell’Innocenza perduta: Lui, Cristo, l’unico innocente, che mai pensa male di noi, mai ci inganna, mai ci delude, oggi desidera rinascere nel nostro, troppo spesso stanco, cuore.

Both comments and pings are currently closed.

Comments are closed.