24.10.2021 – DON ANTONIO INTERGUGLIELMI

non vediamo altro che problemi e difficoltà, ci sentiamo perduti, abbandonati, senza più la capacità di trovare una soluzione. Siamo nel buio interiore. Alle speranze deluse, tutti ci abbandonano, di fronte all’insuccesso pensiamo di rimanere soli.
Questo perché dimentichiamo che il Signore ci sta vicino, non ce ne rendiamo conto, e ci sfiniamo, costretti a cercare di risolvere la nostra vita da soli…proprio in questo momento possiamo ricevere il dono di accorgerci che sta venendo verso di noi il Signore, forse attraverso qualcuno che ce lo annuncia.
In questo buio, proprio come il cieco Bartimeo, siamo chiamati a gridare: “Signore abbi pietà di me”!
Questa preghiera non è altro che riconoscere che Lui può davvero salvarci. Abbiamo la possibilità di fare l’esperienza che Cristo non ci abbandona, anzi che è sempre stato accanto a noi: la forza di questo grido viene dal cuore e non tiene conto di coloro che ci deridono, magari dai tanti che, invece di aiutarci, ci hanno voltato le spalle.
Cristo mai ci abbandona e come avviene per il cieco, vedremo il buio diradarsi, finalmente anche noi potremo testimoniare il Suo amore che non delude, nulla chiede in cambio.